Lavoratrice licenziata, cosa succede se la gravidanza inizia durante il preavviso?

Lavoratrice licenziata, cosa succede se la gravidanza inizia durante il preavviso(foto Shutterstock)

Lo stato di gravidanza insorto durante il preavviso non è causa di nullità del licenziamento già intimato alla lavoratrice, ma evento idoneo a determinare la sospensione del periodo di preavviso

Lo stato di gravidanza insorto durante il preavviso non è causa di nullità del licenziamento già intimato alla lavoratrice, ma evento idoneo a determinare la sospensione del periodo di preavviso

Il fatto

Una dipendente, licenziata per giustificato motivo oggettivo, aveva iniziato una gravidanza durante il periodo di preavviso. La lavoratrice aveva poi impugnato il recesso, ossia contestato il licenziamento, ritenendolo nullo per violazione del divieto di licenziamento della lavoratrice durante la gravidanza.
Secondo la dipendente infatti, il divieto operava anche in caso di stato di gravidanza sopravvenuta durante il periodo di preavviso, perché in tale periodo il rapporto di lavoro proseguiva.

Cosa succede se una lavoratrice viene licenziata, ma durante il periodo di preavviso sopravviene una gravidanza?

La lavoratrice in gravidanza può essere licenziata?

Per legge le lavoratrici donne non possono essere licenziate per il periodo di tempo che va dall’inizio della gravidanza fino al compimento di un anno di età del bambino (salvo le eccezioni al divieto di licenziamento previste dall’art. 54 del D.Lgs. n. 151/2001). In questo periodo, quindi, il licenziamento è considerato nullo. Pertanto, le lavoratrici licenziate in questo arco temporale hanno diritto alla reintegrazione nel posto di lavoro. Inoltre il datore di lavoro è condannato al pagamento di un’indennità risarcitoria commisurata alle retribuzioni perse dal licenziamento alla reintegrazione (in ogni caso non inferiore a 5 mensilità), e al versamento dei contributi previdenziali e assistenziali.
La decisione della Corte di Cassazione

La Cassazione ha respinto il ricorso della lavoratrice, confermando che il licenziamento non era nullo, perché la gravidanza era sopravvenuta durante il periodo di preavviso (ordinanza del 3 aprile 2019 n. 9268).

Il licenziamento si perfeziona nel momento in cui il lavoratore viene a conoscenza della volontà del datore di recedere dal rapporto di lavoro. È con riferimento a questo momento, quindi, che va valutata la legittimità del licenziamento, anche nei casi in cui è intimato con preavviso. Di conseguenza, in questo caso il licenziamento non era nullo, perché nel momento in cui era stato intimato la lavoratrice non era ancora incinta.

ULTIMI VIDEO

Il fatto che durante il periodo di preavviso (quindi successivamente all’intimazione del licenziamento) insorga una gravidanza, non rende nullo il recesso, ma determina solo la sospensione del periodo di preavviso. Infatti, la gravidanza rientra tra gli eventi previsti dall’art. 2110 c.c. (insieme a infortunio, malattia e puerperio) che, se sopravvengono durante il periodo di preavviso, lo sospendono fino alla loro cessazione.

 

1 like

Smart working

Smart working

Malattia e Lavoro

Malattia e Lavoro

Come si legge la busta paga

Come si legge la busta paga

Maternità e lavoro

Maternità e lavoro

Ingresso al lavoro

Ingresso al lavoro

Scopri gli altri eBook
di Laborability

Vai agli eBook

Site Footer

LABORABILITY ® è un progetto di GIANLUCA SPOLVERATO | P.IVA IT03471600282 | Privacy Policy