Quali i contributi utili per accedere a Quota 100 I laborability

Quali contributi sono utili a Quota 100?

(foto Shutterstock)

Per accedere a Quota 100 sono utili tutti i contributi accreditati, anche grazie all’istituto del cumulo e della totalizzazione (solo per gli ex ENPALS)

Chi ha diritto alla Quota 100?

Quota 100 è una tipologia di pensione anticipata, prevista per il triennio 2019-2021, per i lavoratori autonomi e i lavoratori subordinati, iscritti all’Assicurazione Generale Obbligatoria (AGO), alle forme sostitutive ed esclusive gestite dall’INPS, che abbiano maturato, alla data della presentazione della domanda di pensione Quota 100, almeno 62 anni di età anagrafica e 38 anni di contribuzione.

Quali contributi sono utili ai 38 anni di contribuzione?

Tutti, siano essi obbligatori, da riscatto, figurativi o volontari tranne quelli figurativi riconosciuti in occasione di eventi come malattia, infortunio e disoccupazione. In ogni caso il lavoratore dovrà aver maturato, al netto dei contributi figurativi non riconosciuti, almeno 35 anni di contribuzione.

Sono utili al raggiungimento dei 38 anni di contribuzione minima tutte le tipologie di contribuzione accreditate in favore del contribuente, anche cumulando i periodi assicurativi versati o accreditati presso due o più forme di assicurazione obbligatoria istituite presso l’INPS.

I lavoratori che hanno contribuito all’ex ENPALS (Ente nazionale di previdenza e assistenza per i lavoratori dello spettacolo) possono, inoltre, far valere i periodi di contribuzione accreditati alla vecchia gestione attraverso l’istituto della totalizzazione purché siano titolari di contribuzione anche presso l’Assicurazione Generale Obbligatoria (AGO).

Come si possono verificare i contributi utili alla pensione? 

Per conoscere quanti contributi si possiede alla data della richiesta della pensione è possibile consultare il proprio Estratto conto, questa operazione è possibile:

  • accedendo autonomamente al sito dell’INPS;
  • telefonando il contact center al numero 803 164 (gratuito da rete fissa) oppure 06 164 164 da rete mobile;
  • chiedendo l’ausilio di enti di patronato e intermediari dell’Istituto.

All’interno del servizio di Estratto conto INPS, l’utente trova i propri contributi suddivisi in base alle gestioni alle quali è iscritto e si presenta come una tabella contenente alcune informazioni come: dati anagrafici del lavoratore, i versamenti previdenziali, tipologia di contributi, contributi utili espressi in giorni, settimane o mesi, retribuzione o reddito; riferimenti del datore di lavoro.

 

Leggi anche:

Si può continuare a lavorare mentre si percepisce?

Quota 100 nel 2021 come accedervi

La tua opinione ci sta a cuore. Se vuoi proporre temi o raccontare storie di lavoro, saremo contenti di ascoltarti. Contattaci.

Articoli correlati

Ultimi articoli