La legge di bilancio 2022, le anticipazioni per il lavoro

(foto Shutterstock)

Assunzioni nella pubblica amministrazione, congedo di paternità, e disoccupazione sono alcuni dei temi che interessano il lavoro

Un piano straordinario per la pubblica amministrazione nel 2022?

La legge di bilancio 2022 approvata dal Consiglio dei Ministri prevede importanti novità per chi sta cercando lavoro nella pubblica amministrazione, perché sono previsti circa 250 milioni di euro per nuove assunzioni, a cui si aggiunge l’incremento del trattamento economico accessorio per 360 milioni per tutto il pubblico impiego. Bisognerà tenere d’occhio bandi, concorsi, nonché gli annunci sulle offerte di lavoro.

Sarà più semplice lavorare e ricollocarsi nel 2022?

Sì. Tra le novità più rilevanti, quella che prevede, a decorrere dal 1° gennaio 2022, la possibilità di assumere, ai fini della loro qualificazione o riqualificazione professionale, con contratto di apprendistato professionalizzante, senza limiti di età, anche i lavoratori beneficiari del trattamento straordinario di integrazione salariale.

Chi sarà in cassa integrazione percepirà gli stessi soldi del 2021?

No. La legge di bilancio 2022 prevede un aumento degli importi dei trattamenti di integrazione salariale relativi a periodi di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa decorrenti dal 1° gennaio 2022. Il calcolo della cassa integrazione non prenderà più a riferimento la retribuzione mensile, ma si baserà su un importo massimo mensile.

Sarà più facile ottenere l’indennità di disoccupazione nel 2022?

Sì. A decorrere dal 1° gennaio 2022 saranno destinatari della disoccupazione (NASpI) anche gli operai agricoli a tempo indeterminato delle cooperative e loro consorzi; inoltre, il requisito delle 30 giornate di lavoro non sarà più necessario per gli eventi di disoccupazione che si verifichino dal 1° gennaio 2022.

Oltre a ciò, per chi sarà disoccupato dal 1° gennaio 2022 la NASpI si ridurrà del 3 per cento ogni mese solo dal primo giorno del sesto mese di fruizione anziché dal terzo; tale riduzione decorre dal primo giorno dell’ottavo mese di fruizione per i beneficiari di NASpI che abbiano compiuto il cinquantacinquesimo anno di età alla data di presentazione della domanda.

Verranno confermati i giorni di congedo paternità?

Sì. La legge di bilancio conferma il congedo di paternità come definitivo a far data dal 2021, e questo significa che il padre lavoratore dovrà, obbligatoriamente, fruire di un congedo pari a dieci giorni, da utilizzare in maniera anche non continuativa nei primi cinque mesi di vita del figlio. Resterà, invece, facoltativo la fruizione dell’ulteriore giorno.

 

Leggi anche:

Pensione anticipata: legge di bilancio proroga Opzione donna

 

Articoli correlati

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi gratuitamente le ultime novità, le storie e gli approfondimenti sul mondo del lavoro.